Gabriele Ordinelli

Mi presento:
“…Fare domande, ascoltare e capire: con la consapevolezza che dietro ogni azienda ci sia sempre una persona in cui convivono fragilità e determinazione, obiettivi e desideri da trasformare in azioni concrete.
Un vero e proprio disegnatore di percorsi di crescita, attraverso il potere comunicativo del digitale.
Come un eroe innamorato di ciò che dona agli altri con il suo superpotere…”
Gabriele Ordinelli 
ContattamiBlog

Gabriele Ordinelli

 

Mi presento:
“…Fare domande, ascoltare e capire: con la consapevolezza che dietro ogni azienda ci sia sempre una persona in cui convivono fragilità e determinazione, obiettivi e desideri da trasformare in azioni concrete.
Un vero e proprio disegnatore di percorsi di crescita, attraverso il potere comunicativo del digitale.
Come un eroe innamorato di ciò che dona agli altri con il suo superpotere…”
Gabriele Ordinelli 

 

ContattamiBlog

Gabriele Ordinelli – Chi Sono

Ciao, sono Gabriele Ordinelli e sono felice di accoglierti nel mio sito web.

Scelgo questa veste informale per raccontarti velocemente chi sono, di cosa mi occupo e cosa mi spinge a svolgere la mia attuale professione.

Padre di 2 piccole creature, marito di una moglie speciale e consulente nel mondo del web marketing.

Mi autodefinisco un supporto strategico nel mondo del marketing e del web marketing per i possessori di partita iva italiani.

Classe ’80, ho lavorato dall’età di 20 nel mondo della vendita, della gestione di risorse umane e pubblicità; capirai bene che negli anni il mondo commerciale è cambiato, motivo per il quale dal 2015 mi sono specializzato nel mondo del web marketing.

Dal 2016 che sono parte del più grande movimento internazionale di scambio referenze: BNI acronimo di Business network international.

Incontrare e conoscere professionisti di spessore, fare rete, creare relazioni,  sviluppare economia in Abruzzo, là mia regione e non solo, tutto questo è BNI.

Con il duplice ruolo di Vicepresidente nel capitolo Supernova di Mosciano Sant’Angelo in provincia di Teramo;

E Assistant director in Abruzzo con l’idea e obiettivo di creare un movimento di imprenditori e professionisti lungo la costa Adriatica.

La mia mission: formare un gruppo di Imprenditori professionali, dal valore e spessore umano importante, onestà, lealtà, pronti ad aiutarsi nello spirito BNI del Givers Gain, prima dare per poi ricevere!”

richiedi una consulenza
Come ben sai, in Italia una partita iva su 2 non ha un sito web e 6 aziende su 10 che hanno un sito web non lo aggiornano da almeno un anno. Tante sono le aziende che hanno delle pagine social ma pochissime sono quelle che ne sfruttano davvero le potenzialità.

Praticamente, siamo molto indietro e questo lo si denota dall’altissimo numero di chiusure di p.iva che si registrano costantemente.

Questi primi dati mi hanno spinto ad approfondire il mondo del web e capire che ciò che realmente manca alla microimpresa italiana è un partner realmente affidabile, che segua il cliente e che gli traduca in tempo reale il complesso linguaggio informatico per renderlo fruibile al mondo commerciale.

Non solo: qualcuno che con esperienza sia in grado di far guadagnare tempo ed eviti spreco di denaro.

 

Richiedi una consulenza
Come ben sai, in Italia una partita iva su 2 non ha un sito web e 6 aziende su 10 che hanno un sito web non lo aggiornano da almeno un anno. Tante sono le aziende che hanno delle pagine social ma pochissime sono quelle che ne sfruttano davvero le potenzialità.

Praticamente, siamo molto indietro e questo lo si denota dall’altissimo numero di chiusure di p.iva che si registrano costantemente.

Questi primi dati mi hanno spinto ad approfondire il mondo del web e capire che ciò che realmente manca alla microimpresa italiana è un partner realmente affidabile, che segua il cliente e che gli traduca in tempo reale il complesso linguaggio informatico per renderlo fruibile al mondo commerciale.

Non solo: qualcuno che con esperienza sia in grado di far guadagnare tempo ed eviti spreco di denaro.

 

di cosa mi occupo

Il mio lavoro

Così da 5 anni mi occupo in Abruzzo e Marche di seguire decine di clienti: non posso gestirne troppi, non riuscirei a fare bene il mio lavoro.

Io mi occupo della fase commerciale e la parte tecnica la commissiono a dei validi partner tecnici che si occupano quindi di:

Realizzare siti web moderni, indicizzati e performanti.

Gestire pagine social (Facebook e Instagram)

Progettare e realizzare campagne di Facebook e Google Advertising.

Realizzare la brand identity, quindi marchio, logo, payoff, grafica.

Perchè non mi occupo direttamente anche della creazione tecnica di quanto descritto?

Probabilmente ti starai chiedendo: “ma se da anni fai questo, perché non realizzi tu direttamente i siti web o le campagne digitali?”

 

Tutto parte dal concetto di “onestà intellettuale”: il mondo del web è velocissimo e con lui le varie specializzazioni.

 Non è possibile acquisire contemporaneamente capacità di sviluppo siti, di gestione campagne social, di grafica offline e in tutto questo specializzarsi anche nel marketing.

Chi si propone per fare questo, molto probabilmente ha un’infarinatura generale, ma non avrà mai la velocità e la precisione che può avere un team affiatato e multi disciplinare.

Motivo per il quale io personalmente vivo il territorio: incontro clienti che sono microimprese e liberi professionisti. Mi specializzo costantemente sul marketing e sulle vendite e costantemente individuo partner di sviluppo web e digitale.

A cosa serve il Marketing per una microimpresa?

Probabilmente ti starai chiedendo “io ho una piccola impresa, in un piccolo paese, a cosa serve il marketing?”

Il marketing non è una brutta parola: il marketing è una disciplina strategica che ha il compito di far crescere la tua impresa sfruttando diversi canali offline (via terra) e online (web e digitale).

Nello specifico, il compito è quello di aiutarti a:

  • Avere più clienti.
  • Non perdere i clienti.
  • Indurre i tuoi clienti a spendere più frequentemente.

E se già hai tanti clienti, permetterti di marginare di più.

Parliamoci chiaramente: nessuna magia, tanto lavoro e focalizzazione.

Bene, per fare questo, c’è la necessità di conoscere le corrette strategie e di affidarsi a chi ogni giorno vive il mercato ed ha le competenze specifiche per farlo.

Cosa posso fare per te?

Il mio compito è quello di:

  • Conoscerci, presentarci, e capire con un paio di incontri se posso fare al caso tuo: nello specifico se posso realmente aiutarti a raggiungere degli obiettivi. Diverse volte, sono io a dire al potenziale cliente che non possiamo continuare (o iniziare) la collaborazione.
  • Creare un progetto per un lavoro di 12 mesi insieme: un progetto che comprenda gli strumenti online necessari a raggiungere un risultato specifico.
  • Iniziare un percorso insieme che preveda incontri periodici al fine di monitorare, analizzare, sviluppare il tutto costantemente.

 Se anche tu sei come la gran parte dei miei clienti, starai per porti una delle seguenti domande; le voglio anticipare.

Perchè hai bisogno di un consulente certificato?

1- “IL SITO WEB A COSA MI SERVE?”
Una ricerca su due parte da Google; un locale, un ristorante, una qualsiasi attività deve avere un sito web per permettere all’utente in maniera sintetica di avere le informazioni utili.

Non si tratta più di “moda” o “pubblicità”; si tratta di spostare il denaro e quindi di intercettare clienti e potenziali clienti.

Se io cerco informazioni sul tuo prodotto/servizio e tu non sei su Google ma ci sono i tuoi concorrenti, capirai quanto denaro rischi quotidianamente di perdere.

Esistono diverse tipologie di siti: da poche centinaia di euro a diverse migliaia di euro. Non è importante quanto costi, ma quanto possa aiutarti a raggiungere degli obiettivi. 

Se crei un sito solo perché lo fanno gli altri, sta fermo. Se crei un sito web che deve permetterti di rientrare in pochissimo tempo nell’investimento, allora affidati ad un professionista per farlo.

2. “LA MIA AZIENDA ESISTE DA ANNI.. NON CI TROVIAMO IN UNA GRANDE CITTÀ, UTILIZZO I SOCIAL NETWORK”
Che la tua azienda esista da molti anni o da pochi mesi, non puoi pensare di affidare la tua presenza online solo ai social. Per diversi motivi.

Te ne elenco alcuni:

  • I social non hanno archivio: provo a spiegarmi meglio. Immagina che io voglia conoscere i tuoi servizi e voglia reperire questi servizi su Facebook: come faccio a trovarli in 5 secondi? I social non hanno archivio storico almeno che l’utente non stia a “spulciare” a ritroso la tua pagina, ma come saprai la soglia dell’attenzione sul web non supera i 30 secondi. Al contrario, il sito web da una parte crea storia su Google e soprattutto se il sito è ben fatto permette all’utente di reperire le informazioni di cui necessita in pochissimi secondi.
  • I social permettono all’utente di trovarti solo se quest’ultimo conosce il tuo nome (o se hai delle sponsorizzazioni in atto)

Immagina che io non conosca il nome della tua azienda e voglia cercarti su Facebook, come posso trovarti?

Esistono solo due possibilità: o conosco il nome della tua azienda, o dalla tua pagina Facebook stai facendo delle sponsorizzazioni  (paghi Facebook per far vedere i tuoi contenuti a dei clienti in target che tu hai definito pregressamente con dei criteri specifici).

Quindi, i social sono importantissimi, ma devono essere sempre affiancati da un sito web, che può essere un sito web in pagina unica (a scroll) o multipagina.

  • I social sono efficaci se vengono gestiti in maniera professionale: fermo restando quanto esplicitato nei punti precedenti, è molto importante chiarire che i social devono essere gestiti in maniera professionale; vuol dire che i testi (copy) devono seguire un criterio e le grafiche devono essere in linea con lo stile aziendale. “Gestire le pagine social è molto facile: gestire le pagine social in maniera professionale è molto difficile.”
3. FACEBOOK ME LO GESTISCO DA SOLO, È GRATIS: Perché dovrei spendere dei soldi?

Nel punto precedente ho iniziato ad anticipare alcuni aspetti importanti: Facebook non ha costi di gestione, ma gestire male i social può costare molto caro ad un’azienda.

Ti faccio esempi pratici:

  •  Se il tuo concorrente diretto gestisce le sue pagine social con strategia fatta di professionisti, prende mercato perché sa esattamente cosa fare per arrivare ai nuovi clienti.
  •  Se gestisci male le tue pagine social, avvantaggi la concorrenza: immagina due pizzerie, l’una di fianco all’altra. L’una fa una pizza in maniera approssimativa: ingredienti di bassa qualità, location curata male, luci spente. L’altra invece è davvero top: ambienti curati, attenzione alla comunicazione interna, ingredienti di qualità.
    Quante possibilità ha la prima di ricevere clienti? E quante la seconda? Bene, questo succede tutti i giorni sul web e sui social network: una gestione di bassa qualità fa questo. Manda i clienti dai tuoi concorrenti.
  •  Quanto costa il tuo tempo? Per scrivere un post in maniera professionale, creare delle grafiche di qualità, analizzare i dati che Facebook mette a tua disposizione, ci vuole del tempo. È stimato che in media si impieghino circa 30 minuti a post. Quindi dovessi prevedere per la tua azienda 8 post al mese, impiegheresti 4 ore del tuo tempo, con dei grandi dubbi quali
  • Sto seguendo la giusta strategia?
  • E se stessi sbagliando?
  • E se dovessero arrivare aggiornamenti ( in media ne arrivano 2 al mese) da Facebook ed io dovessi essere indietro?

Potrei continuare ancora; di persona avremo modo di confrontarci.

4-PERCHÉ DOVREI SPENDERE DEI SOLDI IN PUBBLICITÀ IN UN MOMENTO DI CRISI?

Partiamo da un presupposto: esistono due tipologie principali di pubblicità.

 Pubblicità creativa: investi del denaro, senza sapere quanto tornerà di quel denaro.

 Pubblicità strategica: attività di comunicazione volte ad un ritorno dell’investimento misurato.

 Io mi occupo di marketing strategico e ti dico: “non spendere un solo euro se non sai come poter monitorare il ritorno dell’investimento di quell’euro destinato ad un’azione pubblicitaria”.

 Il sito web ti dice esattamente cosa accade sul tuo sito: visite, qualità delle visite, provenienza, durata di visita, e tantissimi altri dati.

 Un cartellone 6×3 questo non te lo dice.

 A questo si lega il concetto di target: tanti “pubblicitari” raccontano la visibilità. Ma a cosa serve visibilità se quella visibilità è rappresentata da persone non in target?

Ecco, con il web invece, il mirino può essere stretto tantissimo e si può lavorare solo su chi davvero è interessato ai tuoi contenuti.

 

Quindi, la risposta qual è alla tua domanda?

 

Soprattutto nei momenti di restrizione economica, se si lavora bene, investendo il giusto denaro verso un obiettivo, la crescita è garantita.

5- VENDO SU FACEBOOK E INSTAGRAM, PERCHÉ DOVREI AVERE UN SITO WEB?

Se già vendi su Facebook e Instagram, un sito web ti serve per consegnare ulteriore autorevolezza.

 Quanto si fiderebbero in più di te le persone se vedessero anche un sito web ben curato?

 Molto di più, perché un sito web è una fonte istituzionale di un’azienda e se già vendi online con i social, puoi pensare di avere un sito web solo d’immagine rimandando gli acquisti sui social.

 Non solo: magari nella politica di Facebook e Instagram c’è quella di arrivare (molto probabile) ad essere dei portali anche di vendita che terranno parte delle transazioni (un po’ come avviene con Amazon e Ebay), quindi creare autonomia e traffico sul proprio sito è importante anche per una questione di indipendenza.

6- COME È POSSIBILE VENDERE ONLINE FRONTEGGIANDO DEI COLOSSI E MULTINAZIONALI ?

È una bella domanda; fronteggiarli non è facile perché loro hanno risorse economiche che noi non abbiamo ma sicuramente il “nostro orticello” possiamo coltivarlo.

Innanzitutto uno dei segreti è quello di “non vendere online” ciò che finisce sui marketplace come Amazon o Ebay.

Più vendi roba “cannibalizzata” più non riuscirai a competere; al contrario concentrati su prodotti più di nicchia.

Ad esempio se fai della tua produzione (sei un gioielliere ad esempio) non vendere i tuoi prodotti sui marketplace ma vendili dal tuo sito perché sei unico e irripetibile.

Hai un solo modo per fronteggiare i colossi, quello di differenziarti e studiare al meglio come farlo.

Se vuoi qualcosa che non hai mai avuto, devi fare qualcosa che non hai mai fatto.

Thomas Jefferson

Termini e condizioni

1 + 11 =

Powered by

© TUTTI I DIRITTI RISERVATI | GABRIELEORDINELLI.INFO | Privacy Policy - Cookie Policy | Design by DERAWEB